Di foglia in foglia

Biscotti sciroppo d'aceroE di questa fissazione per le foglie secche d’autunno, non me ne faccio una ragione neanche io. Neanche io, che la istigo e la stuzzico, fino allo spasimo e, addirittura come una domenica fa, fino a Ponte Milvio.

Anche mio marito se n’è accorto: “Tu c’hai una fissazione per le foglie!”

E’ giunto a questa conclusione certa e me ne ha fatto rivelazione la prima domenica del mese corrente, proprio a Ponte Milvio.

[continua la lettura…]

15

Biscotti integrali sull’87

Biscotti integrali sull'87

E così l’altro giorno nella consuetudine di correre sempre dietro un autobus che è in corsa anche lui e che non è mai l’87, ho assicurato alla mia dolce amica Marilù che sì, che presto sarei tornata: in me medesima e in quel mio alter ego un po’ crostaceo e un po’ russo.

“Il segnale sarà una ricetta” – ho promesso a Marilù.

[continua la lettura…]

15

Spritz al “tartufino” del Mugello

Spritz al "tartufino" del Mugello

Si narra che mi abbiano ritrovata in cucina più sorridente del solito: comodamente seduta con la macchinetta fotografica ancora appesa al collo, un Martini Bianco in una mano e uno Spritz nell’altra…

E se uno era per certo l’aperitivo che sorseggiavo dalla mia coppa, l’altro era l’insospettabile biscottino salato carico del sentore buono del formaggio al tartufo: lo spritz.

[continua la lettura…]

7

Biscotti speziati di Ottolenghi

Biscotti speziati di Ottolenghi

Le spezie nella mia cucina trovano una posizione di vicinanza più o meno ordinata, a seconda del loro reciproco rapporto sensoriale: il macis, ad esempio, è a stretto contatto con la noce moscata se non fosse per quella ‘contesa’ irrisolta sulla delicatezza preferibile della besciamella.

Poi ci cono i chiodi di garofano così indecisi se stare dalla parte del salato o da quella del dolce, io stessa mi chiedo sempre dove collocarli: “vicino alla cannella o al pimento?”

Questi problemi non me li crea ad esempio la fava tonka, unica nel suo sentore inconfondibile prende le distanze da tutte le altre spezie. Ma certo tanta esclusività si paga: se penso a quanto io abbia penato per trovare le sue preziose bacche e quanto abbia rischiato nel cercarle in una città di ‘romoletti’ in cui un uomo, anche se è un droghiere, a chissà cosa pensa se una signora ‘costumata’ chiede timidamente: “scusi, lei ha la fava tonka?”

[continua la lettura…]

14